Sito in ricostruzione

Tu se qui -> Aggregatore di feed / Sorgenti / Il Fondaco Per Feltre

Il Fondaco Per Feltre


Condividi contenuti Il Fondaco per Feltre
Associazione culturale ONLUS
Aggiornato: 1 ora 55 sec fa

Conferenza “Arte sacra ed Eucarestia in Tintoretto” – 3 MAGGIO 2019

Ven, 03/05/2019 - 11:33

Venerdì 3 maggio alle ore 18.00, presso la sala conferenze del Museo Diocesano di Feltre, l’Arch.don Gianmatteo Caputo terrà una relazione su “Arte sacra ed Eucarestia in Tintoretto“. Ricorrono infatti quest’anno i 500 anni dalla nascita del Tintoretto e per l’occasione si inaugurano anche una serie di iniziative, questa sarà la prima, volte a valorizzazione le due opere del Tintoretto presenti presso il Museo Diocesano di Feltre: la MADONNA CON BAMBINO E I SANTI VITTORE E NICOLA e la COMUNIONE DEGLI APOSTOLI.

 ARCH. DON GIANMATTEO CAPUTO

Incaricato Triveneto per i beni culturali e Direttore del Museo Diocesano di Venezia, egli è stato docente in diversi atenei. E’ curatore di mostre ed esposizioni d’arte veneziana nei maggiori musei in Italia e all’estero ed ha al suo attivo varie pubblicazioni tra le quali un saggio su “Jacopo Tintoretto e l’Ultima Cena” pubblicato nel catalogo della Mostra “Tintoretto” alle Scuderie del Quirinale a Roma del 2012. Recentemente ha collaborato per le Mostre delle Gallerie dell’Accademia e di Palazzo Ducale. In occasione della conferenza verrà proiettato in anteprima un video sulle due opere del Museo realizzato da Telebelluno.

 

MADONNA CON BAMBINO E I SANTI VITTORE E NICOLA

L’opera è di proprietà dell’AZIENDA ULSS n.1 e proviene dalla Chiesa di Ognissanti. E’ firmata “TENTOR” ed è del 1545. La Madonna è pervasa da un senso di pacata malinconia. Accanto a San Vittore vi è San Nicola, patrono della Scuola dei Notai che aveva commissionato il dipinto. E’ stato Rodolfo Pallucchini a riconoscerne l’autenticità in un articolo su “Arte Veneta” del 1969 nel quale sottolineava ” la stupenda figura di San Nicola dalla pennellata tizianesca”, la vivacità dei colori del gonfalone e degli abiti di San Vittore nonché il malinconico e velato paesaggio. Il quadro è stata esposto in una Mostra a Mantova del 2004 a cura di Vittorio Sgarbi nella quale Filippo Pedrocco ne ha evidenziato gli aspetti manieristici dovuti agli influssi soprattutto degli artisti toscani presenti a Venezia.

 

COMUNIONE DEGLI APOSTOLI

Il dipinto si trovava nella chiesa di Santa Croce di Belluno e da lì è stato trasferito dopo le soppressioni napoleoniche a Castion (Bl). E’ una copia, con dimensioni ridotte, dell’opera di identico soggetto presente nella chiesa di S.Polo a Venezia, come era prassi nelle botteghe dei grandi artisti del 1500.Il quadro nasce nel contesto post-tridentino come risposta alle affermazioni dei Protestanti. Due apostoli ricevono la comunione e altri due fanno la carità a dei poveri, mentre Lutero svalutava le opere a favore della sola fede. Viene sottolineata inoltre la dottrina cattolica della messa come sacrificio di Cristo che ha le braccia aperte a forma di croce. L’opera versava in precario stato di conservazione ed è stata sottoposta a un delicato e complesso intervento di recupero nel 2017 da parte di Mariangela Mattia.

Venerdì 3 maggio alle ore 18.00, presso la sala conferenze del Museo Diocesano di Feltre, l’Arch.don Gianmatteo Caputo terrà una relazione su “Arte sacra ed Eucarestia in Tintoretto“. Ricorrono infatti quest’anno i 500 anni dalla nascita del Tintoretto e per l’occasione si inaugurano anche una serie di iniziative, questa sarà la prima, volte a valorizzazione le due opere del Tintoretto presenti presso il Museo Diocesano di Feltre: la MADONNA CON BAMBINO E I SANTI VITTORE E NICOLA e la COMUNIONE DEGLI APOSTOLI.

 ARCH. DON GIANMATTEO CAPUTO

Incaricato Triveneto per i beni culturali e Direttore del Museo Diocesano di Venezia, egli è stato docente in diversi atenei. E’ curatore di mostre ed esposizioni d’arte veneziana nei maggiori musei in Italia e all’estero ed ha al suo attivo varie pubblicazioni tra le quali un saggio su “Jacopo Tintoretto e l’Ultima Cena” pubblicato nel catalogo della Mostra “Tintoretto” alle Scuderie del Quirinale a Roma del 2012. Recentemente ha collaborato per le Mostre delle Gallerie dell’Accademia e di Palazzo Ducale. In occasione della conferenza verrà proiettato in anteprima un video sulle due opere del Museo realizzato da Telebelluno.

MADONNA CON BAMBINO E I SANTI VITTORE E NICOLA

L’opera è di proprietà dell’AZIENDA ULSS n.1 e proviene dalla Chiesa di Ognissanti. E’ firmata “TENTOR” ed è del 1545. La Madonna è pervasa da un senso di pacata malinconia. Accanto a San Vittore vi è San Nicola, patrono della Scuola dei Notai che aveva commissionato il dipinto. E’ stato Rodolfo Pallucchini a riconoscerne l’autenticità in un articolo su “Arte Veneta” del 1969 nel quale sottolineava ” la stupenda figura di San Nicola dalla pennellata tizianesca”, la vivacità dei colori del gonfalone e degli abiti di San Vittore nonché il malinconico e velato paesaggio. Il quadro è stata esposto in una Mostra a Mantova del 2004 a cura di Vittorio Sgarbi nella quale Filippo Pedrocco ne ha evidenziato gli aspetti manieristici dovuti agli influssi soprattutto degli artisti toscani presenti a Venezia.

COMUNIONE DEGLI APOSTOLI

Il dipinto si trovava nella chiesa di Santa Croce di Belluno e da lì è stato trasferito dopo le soppressioni napoleoniche a Castion (Bl). E’ una copia, con dimensioni ridotte, dell’opera di identico soggetto presente nella chiesa di S.Polo a Venezia, come era prassi nelle botteghe dei grandi artisti del 1500.Il quadro nasce nel contesto post-tridentino come risposta alle affermazioni dei Protestanti. Due apostoli ricevono la comunione e altri due fanno la carità a dei poveri, mentre Lutero svalutava le opere a favore della sola fede. Viene sottolineata inoltre la dottrina cattolica della messa come sacrificio di Cristo che ha le braccia aperte a forma di croce. L’opera versava in precario stato di conservazione ed è stata sottoposta a un delicato e complesso intervento di recupero nel 2017 da parte di Mariangela Mattia.

The post Conferenza “Arte sacra ed Eucarestia in Tintoretto” – 3 MAGGIO 2019 appeared first on Il Fondaco per Feltre.

Categorie: Eventi

La Pala del Colmeda di Jacopo Bassano – 30 MARZO 2019

Mer, 20/03/2019 - 13:04

L’associazione culturale “Il Fondaco per Feltre” e il Gruppo RaccontArte sono lieti di invitarvi alla presentazione della tesi di laurea dal titolo “…buono, un poco tizianesco.” La pala del Colmeda di Jacopo Bassano (1576) del dott. ENRICO TONIN.

L’appuntamento è previsto per sabato 30 marzo 2019 alle ore 20:30 presso la Chiesa di Santa Maria degli Angeli a Feltre.

Un’occasione per approfondire la figura di Jacopo da Ponte, detto Bassano, uno di più importanti pittori dell’entroterra veneto, e seguire la sua ascesa artistica da semplice apprendista, presso la bottega bassanese del padre, agli allori di pittore affermato a Venezia, assieme a Tintoretto e Veronese.

Le vicende del pittore toccheranno anche il territorio Feltrino. Qui infatti, per la Chiesa di Santa Maria degli Angeli, il pittore realizza nel 1576 una pala ex-voto a ricordo della tragica alluvione del torrente Colmeda che straripò e provocò danni e morti.

Ad accompagnare il racconto ci saranno le voci del Coro Femminile “Francesco Sandi” di Feltre.

Per la partecipazione alla serata sarà possibile fare un’offerta libera a sostegno delle attività di recupero e restauro della Chiesa dei Santi Rocco e Sebastiano a Feltre. L’associazione il Fondaco per Feltre si è infatti impegnata nel triennio in corso a mantenere e promuovere la sua valorizzazione e rivitalizzazione.

La serata è realizzata con il patrocinio delle Parrocchie Duomo, Sacro Cuore e Santa Maria degli Angeli di Feltre.

SCARICA LOCANDINA

Vai all’evento FACEBOOK

The post La Pala del Colmeda di Jacopo Bassano – 30 MARZO 2019 appeared first on Il Fondaco per Feltre.

Categorie: Eventi

Il Neolitico e l’Eneolitico nel territorio di Lamon

Ven, 08/03/2019 - 16:40

L’associazione culturale il Fondaco per Feltre è lieta di invitarvi alla presentazione della tesi “Il Neolitoco e l’Eneolitico nel territorio di Lamon” del Dott. Mattia Curto. La conferenza si terrà sabato 16 Marzo alle ore 18:00 presso il Museo Diocesano di Feltre, via Paradiso 19.

Gli studi condotti negli ultimi tre anni dal dott. Mattia Curto hanno permesso di approfondire  la conoscenza di moltissimi reperti litici raccolti nel territorio di Lamon dagli anni ’80 ad oggi. Le ricerche svolte sul campo hanno confermato la presenza e individuato nuovi siti di interesse archeologico nei territori di Lamon e Sovramonte, in particolare presso le Vette Feltrine. I risultati vanno ad inserirsi nel contesto della colonizzazione della Valbelluna nel periodo tardo Neolitico e raccoltano lo sviluppo del tessuto insediativo nell’Eneolitico. Non mancano due reperti di un periodo più lontano, inquadrabili al Sauveterriano (Mesolitico).

Il lamonese quindi al centro dell’attenzione per un momento importante della preistoria della Valbelluna e non solo.

Vi ricordiamo che al termine della conferenza, alle ore 18:45, si svolgerà l’annuale assemblea dei soci dell’associazione il Fondaco per Feltre.

 

Vi aspettiamo!

The post Il Neolitico e l’Eneolitico nel territorio di Lamon appeared first on Il Fondaco per Feltre.

Categorie: Eventi

Assemblea annuale dei soci – 16 Marzo 2019

Ven, 08/03/2019 - 14:11

ASSEMBLEA ANNUALE

Sabato 16 marzo 2019 presso la sala conferenze del Museo Diocesano di Feltre è convocata l’assemblea annuale dell’associazione il Fondaco alle ore 05.00 in prima convocazione e alle ore 18.45 in seconda convocazione.

I punti trattati all’ordine del giorno saranno i seguenti:

   
  • 1. Relazione dell’attività svolta nell’anno 2018 e previsionale per il 2019;
  • 2. Presentazione nuovo sito WEB dell'Associazione;
  • 3. Approvazione bilancio anno 2018 e quello di previsione per il 2019;
  • 4. Quote associative per l'anno 2020;
  • 5. Destinazione 5xmille;
  • 6. Varie ed eventuali
CONFERENZA

L’Assemblea sarà preceduta, alle ore 18.00 da da una conferenza del neo dottore Mattia Curto su: “Il neolitico e l’eneolitico nel territorio di Lamon”.

CENA SOCIALE

Al termine dei lavori assembleari seguirà alle ore 19.30, presso il Ristorante AURORA la cena sociale (costo 20 Euro) per la quale è richiesta la prenotazione entro giovedì 14 marzo contattando il 3296116142 o tramite sms e whatsapp allo stesso numero.

5x1000

Si coglie l’occasione per ricordare a Voi tutti e a quanti vorranno supportare la nostra Associazione che anche quest’anno è possibile, in occasione della dichiarazione dei redditi, devolvere il 5xmille indicando nell’apposito spazio il nostro codice Fiscale che è il seguente: 91004620257.

The post Assemblea annuale dei soci – 16 Marzo 2019 appeared first on Il Fondaco per Feltre.

Categorie: Eventi